Sanzioni per la multa con autovelox

Sanzioni per la multa con autovelox

Aprile 16, 2016 0 Di wp_9446713

Gli autovelox devono essere programmati a scattare la foto al superamento del limite di velocità previsto sulla strada di percorrenza, garantendo comunque una tolleranza di almeno il 5% e, comunque, non inferiore a 5 km/h [1]. In buona sostanza, l’autovelox si mette in funzione non appena l’automobilista supera di oltre il 5% il limite di velocità della strada. Facciamo qualche esempio per comprendere meglio:

  • se in una strada vi è un limite di velocità di 110 km/h, l’autovelox può scattare la foto solo nel momento in cui l’automobile supera 115,5 km/h (ossia 110 km + 5%);
  • se in una strada vi è un limite di velocità di 50 km/h, l’autovelox può scattare la foto solo nel momento in cui l’automobilista supera 55 km/h: in questo caso, infatti, poiché il 5% di 50 è 2,5, si applica la seconda regola (sopra richiamata) secondo cui la tolleranza non può mai scendere al di sotto di 5 km/h);

Si comprende bene che, fin quando il limite di velocità non supera 100 km/h, per sapere quando si attiva l’autovelox è necessario sommare 5 al limite predetto. Da 110 km/h in su è necessario effettuare il calcolo del 5%.

Attenzione: i limiti appena indicati sono considerati minimi; questo vuol dire che la polizia ben potrebbe fissare l’attivazione dell’autovelox a una velocità superiore al 5%. Così, per esempio, in un tratto stradale ove è previsto il limite a 50 km/h, le autorità potrebbero comunque decidere di far scattare la foto solo se l’automobile supera 100 km/h.

 

Taratura dell’autovelox

Ricordiamo che l’autovelox deve essere necessariamente omologato e tarato. Dei relativi certificati l’automobilista ha diritto a prendere visione.

Sanzioni per la multa con autovelox

Se l’automobilista supera il limite di velocità della strada di oltre il 5% (tolleranza) scattano sanzioni differenti a seconda dello scarto tra la velocità rilevata e quella consentita. In particolare:

  • per chi supera di non oltre 10 km/h il limite di velocità, la sanzione va da 39 e 159 euro;
  • per chi supera il limite di velocità di oltre 10 km/h, ma non oltre 40 km/h, la sanzione va da 159 a 639 euro, con decurtazione di 3 punti dalla patente;
  • per chi supera i limiti di oltre 40 km/h, ma non oltre 60 km/h, scatta la sanzione da 500 a 2.000 euro, con decurtazione di 10 punti dalla patente nonché ritiro e sospensione della stessa da 1 a 3 mesi con il provvedimento di inibizione alla guida del veicolo, nella fascia oraria che va dalle ore 22 alle ore 7 del mattino, per i 3 mesi successivi alla restituzione della patente di guida (identica la sanzione in caso di conducente neopatentato);
  • per chi supera il limite massimo di oltre 60 km/h, scatta la sanzione amministrativa da 779 a 3.119 euro, la decurtazione di 10 punti patente nonché il ritiro e sospensione della stessa da 6 a 12 mesi.

I punti decurtati dalla patente sono raddoppiati nel caso in cui il titolare l’abbia conseguita da meno di 3 anni.

[1] Art. 197 D.P.R. 610/96.

Fonte : http://www.laleggepertutti.it