COSA FARE IN CASO DI ASSENZA DAL LAVORO PER MALATTIA

COSA FARE IN CASO DI ASSENZA DAL LAVORO PER MALATTIA

Gennaio 24, 2016 0 Di wp_9446713

Le assenze per malattia non devono essere richieste al datore di lavoro, ma soltanto comunicate, poiché il datore è obbligato a concederle, e non ha discrezionalità in merito, come accade con le ferie o i permessi.

Per avvertire l’azienda, o l’amministrazione presso cui si lavora, dell’assenza per malattia, è sufficiente anche una telefonata, senza dimenticarsi, però, che ci si dovrà recare dal proprio medico curante per il certificato di malattia, che andrà trasmesso all’Inps da parte del professionista.

Il lavoratore assente per malattia non è più obbligato all’invio del certificato medico, né all’Inps, né al proprio datore di lavoro, in quanto lo stesso è inviato telematicamente dal medico curante. Dovrà però, su richiesta del datore, fornire il protocollo del certificato (ID telematico).

Il lavoratore malato, nel caso in cui non reperisca il suo medico curante, può richiedere la certificazione alla Guardia Medica, o ad altro medico convenzionato col Servizio Sanitario Nazionale(SSN). Anche in questo caso la certificazione dovrà essere inviata telematicamente all’Inps entro 2 giorni dall’assenza.

In caso di ricovero presso un ospedale, o un’altra struttura sanitaria, sarà il personale della struttura a farsi carico della trasmissione telematica della certificazione medica all’Inps.

La malattia del lavoratore interrompe il decorso delle ferie, in tutti i casi in cui impedisca il godimento delle stesse: non pregiudicano le vacanze, invece, le patologie che traggono giovamento dalle attività ricreative, come stress psicofisico, sindrome ansioso-depressiva, cefalea… Sarà il medico curante a valutare l’opportunità dell’interruzione o meno delle ferie, nel caso concreto.

Certificati di malattia online 

La procedura per l’invio online dei certificati di malattia riguarda tutti i lavoratori dipendenti, sia privati che pubblici, con esclusione dei dipendenti del settore pubblico disciplinati da propri ordinamenti (forze armate e di polizia, vigili del fuoco, ecc.).

Con la nuova procedura, il medico invia il certificato di malattia online direttamente all’INPS (anche se il lavoratore è iscritto a un altro ente previdenziale) e comunica al lavoratore il numero di protocollo del certificato trasmesso.

Al lavoratore, ove richiesto, resta l’obbligo di comunicare al proprio datore di lavoro il numero di protocollo del certificato.

Scarica qui    http://www.funzionepubblica.gov.it/media/856064/guida%20sintetica.pdf     la guida sintetica alla nuova procedura.

Novità per il lavoratore

Durante la visita, il lavoratore comunica al medico il codice fiscale e l’indirizzo presso il quale sarà reperibile (qualora diverso dalla residenza o dal domicilio abituale), ricevendo dal medico il numero di protocollo del certificato inviato online.

L’invio online effettuato dal medico soddisfa l’obbligo del lavoratore di recapitare o inviare l’attestazione di malattia al proprio datore di lavoro e il certificato all’INPS. Rimane l’obbligo per il lavoratore di informare il proprio datore di lavoro dell’assenza e dell’indirizzo presso il quale sarà reperibile per gli eventuali controlli medico-fiscali. Inoltre, qualora espressamente richiesto, il lavoratore dovrà comunicare al datore di lavoro il numero di protocollo del certificato che gli è stato rilasciato dal medico.

Utilizzando il proprio codice fiscale e il numero di protocollo, il lavoratore può visualizzare e stampare l’attestato di malattia in qualsiasi momento collegandosi al sito web www.inps.it, ovvero verificarne l’avvenuto invio telefonando al contact center dell’INPS al numero 803.164.

I lavoratori registrati sul sito dell’INPS potranno inoltre:

a)       visualizzare via web tutti i certificati e attestati che li riguardano;

b)       chiedere l’invio automatico di copia dei certificati e degli attestati alla propria casella di posta elettronica certificata (ovvero dei soli attestati nel caso si indichi una casella di posta elettronica non certificata). Si ricorda che è possibile richiedere l’attivazione gratuita del servizio di Posta Certificata al cittadino collegandosi al portale www.postacertificata.gov.it;

c)       chiedere l’invio automatico via SMS del numero di protocollo dei certificati al proprio telefono cellulare (il servizio sarà disponibile a breve).

L’obbligo per il lavoratore di presentare e/o di inviare in forma cartacea l’attestazione al datore di lavoro e il certificato all’INPS resta in vigore solo nei casi in cui il medico rilasci la certificazione in forma cartacea e non proceda all’invio online del certificato a causa di particolari problemi tecnici.

Il lavoratore può comunque chiedere al medico una copia cartacea del certificato trasmesso online.

Novità per il medico

Entro 24 ore dalla visita, il medico trasmette il certificato di malattia online attraverso un’apposita pagina web messa a disposizione dal sistema centrale ( www.sistemats.it) ovvero con il proprio software gestionale. Eventuali rettifiche o annullamenti di certificati già inviati possono essere effettuati online entro le 24 ore successive alla trasmissione.

A ogni certificato inviato online viene assegnato un numero di protocollo, che il medico comunica al lavoratore.

Il medico può inoltre inviare al lavoratore via email copia della certificazione che lo riguarda, sia attraverso il sistema centrale, sia con il proprio software gestionale (ove ciò sia previsto).

Novità per il datore di lavoro

Il datore di lavoro non può più richiedere ai propri dipendenti di presentare e/o inviare copia cartacea dell’attestato di malattia relativo ad un certificato inviato online dal medico, ma può prenderne visione esclusivamente tramite i servizi dell’INPS. Il datore di lavoro del settore privato può comunque chiedere ai propri dipendenti di comunicare il numero di protocollo del certificato inviato online.

Per consultare gli attestati di malattia dei propri dipendenti il datore di lavoro può:

a)       accedere direttamente al sistema INPS, attraverso le apposite credenziali rilasciate dall’Istituto (Circolare INPS n. 60 del 16 aprile 2010);

b)       richiederne l’invio automatico alla propria casella di posta certificata (Circolare INPS n. 119 del 7 settembre 2010).

c)       verificare l’avvenuto invio del singolo certificato di malattia rivolgendosi al contact center dell’INPS al numero 803.164, fornendo il codice fiscale del lavoratore e il numero di protocollo (Circolare INPS n. 117 del 9 settembre 2011).

Infine, si ricorda che i datori di lavoro del settore privato possono avvalersi dei servizi messi a disposizione dall’INPS anche attraverso i propri consulenti del lavoro (Circolare INPS n. 117 del 9 settembre 2011).