Jobs Act: licenziamento e conciliazione

Jobs Act: licenziamento e conciliazione

Luglio 22, 2015 0 Di wp_9446713

Regole, indennizzi e procedure nel licenziamento individuale e nella conciliazione di controverse tra datore di lavoro e dipendente previsti dal Jobs Act.

Con l’introduzione del contratto a tempo indeterminato a tutele crescenti nel Jobs Act cambiano le regole per il licenziamento individuale, sia discriminatorio sia per giustificato motivo o disciplinare. Al contempo viene modificata la conciliazione per sanare eventualicontroversie tra lavoratore e datore di lavoro.

=> Guida al contratto indeterminato a tutele crescenti

Reintegro

Nel  licenziamento discriminatorio (ex art. 15 Legge 300/70), nullo o inefficace perché intimato solo in forma orale, il giudice ordina lareintegrazione nel posto di lavoro e condanna il datore al pagamento di una indennità non inferiore a 5 mensilità commisurata all’ultima retribuzione di riferimento per il calcolo del TFR per il periodo che va dal giorno del recesso fino a quello di effettivo reintegro. Per il medesimo periodo è previsto il versamento dei contributiprevidenziali e assistenziali. Il lavoratore, tuttavia, può chiedere in sostituzione della reintegrazione una indennità pari a 15 mensilità, risolvendo il rapporto.

Indennizzo

Nel contratto a tutele crescenti è esclusa la reintegrazione e previsto un indennizzo certo e crescente in funzione dell’anzianità di servizio. Il licenziamento per giustificato motivo oggettivo è legato a ragioni inerenti: attività produttiva, organizzazione del lavoro, suo regolare funzionamento. In tali casi (estinto il rapporto di lavoro) l’indennità è pari a 2 mensilità per ogni anno di servizio. Tale importo non potrà comunque essere inferiore a 4 mensilità né superiore alle 24. Per le PMI l’indennità è dimezzata e non può essere superiore a 6 mensilità.

=> Licenziamento con il nuovo articolo 18

Risarcimento

In caso di licenziamento per giustificato motivo soggettivo il lavoratore ha solo diritto alrisarcimento del danno pari a 2 mensilità per ogni anno di servizio, comunque non inferiore a 4 e non superiore a 24. Anche in questo caso per le PMI gli importi sono dimezzati e il limite massimo è fissato in 6 mensilità. Se il lavoratore dimostra l’insussistenza del fatto materiale che gli è stato contestato, il giudice annulla il licenziamento e condanna il datore di lavoro alla reintegrazione e al pagamento di in risarcimento commisurato all’ultima retribuzione, nonché al versamento dei contributi. Il lavoratore può comunque richiedere in sostituzione del reintegro un’indennità pari a 15 mensilità.

=> Licenziamenti senza reintegro nel Jobs Act

Conciliazione

Il DLgs 23/2015 ha introdotto un nuovo rito di conciliazione stragiudiziale (esperibile nelle sedi indicate dall’art. 2113 e dall’art. 82, comma 1 del DLgs 276/2003), applicabile alle eventuali controversie legate a licenziamenti illegittimi. Il datore di lavoro può offrire un importoesente da IRPEF e contributi pari a una mensilità per ogni anno di servizio, comunque compreso tra 2 e 18 mensilità. Se il lavoratore accetta, si estingue in automatico il rapporto alla data del licenziamento, si rinuncia all’impugnazione anche se già avviata e si mantiene ildiritto alla NASpI (precisato dal Ministero del Lavoro nella nota n. 13 del 24 aprile 2015).

=> Licenziamento e conciliazione: diritto alla NASpI

Il legislatore ha introdotto una comunicazione integrativa di cessazione da effettuarsi entro 65 giorni dalla fine del rapporto di lavoro che indichi l’esito dell’offerta conciliativa, in mancanza della quale è prevista in capo al datore di lavoro una sanzione amministrativa tra 100 e 500 euro per lavoratore. Tramite il modello online UNILAV-conciliazione dovrà essere inserito l’esito dell’offerta e, se il procedimento è andato a buon fine, informazioni aggiuntive come la sede della conciliazione e l’importo erogato.

http://www.pmi.it/impresa/normativa/approfondimenti/100868/jobs-act-licenziamento-individuale-conciliazione.html?utm_source=newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=Newsletter:+PMI.it&utm_content=21-07-2015+jobs-act-licenziamento-e-conciliazione