Massimo prelievo contanti privati

Massimo prelievo contanti privati

Settembre 8, 2019 0 Di Blogger

Uso dei contanti, al via i controlli della UIF su prelievi e versamenti.

Dal 1° settembre 2019 le banche dovranno segnalare chi supera il limite mensile di 10.000 euro, anche con movimenti singoli di importo unitario fino a 1.000 euro.

Se il denaro viene usato per pagare qualcuno, fare un regalo o consentire un prestito, il limite di scambio tra privati resta sempre quello dei tremila euro che, ad oggi, non è stato ancora ritoccato. Ma qual è il massimo prelievo di contanti privati per quanto, invece, attiene alle operazioni sul conto corrente?

La materia è stata di recente riformata da un provvedimento della Uif, l’Unità di informazione finanziaria, datato 28 marzo 2019. Si tratta di una disciplina dettata per contrastare le attività illecite di riciclaggio del denaro sporco, ma che può consentire anche la verifica di eventuali evasioni fiscali. Quel che è certo che esiste un doppio regime di controllo sui contanti provenienti dal conto corrente: in primo luogo c’è quello dell’Agenzia delle Entrate, la quale può eseguire verifiche solo sui versamenti o sui bonifici ricevuti (e non anche sui prelievi eseguiti) da parte dei privati; in secondo luogo, c’è quello della Uif che, invece, accerta tutte le movimentazioni, sia in entrata che in uscita dal conto medesimo.

Ad essere controllate, dal 1° settembre, anche le operazioni di spostamento di cifre uguale o superiori al limite di 1.000 euro. Anche queste piccole operazioni, infatti, saranno segnalate all’autorità competenti qualora complessivamente venga superata la soglia dei 10.000 euro.

Limite contanti, dal 1° settembre i controlli per chi supera i 10.000 euro

A partire dal mese di settembre le banche, le Poste e gli istituti di pagamento dovranno inviare, con cadenza mensile, le comunicazioni riguardanti le operazioni in contante di importo pari o superiore a 10.000 euro eseguite nel corso del mese solare, anche se relative a singole operazioni pari o superiori a 1.000 euro.

Le operazioni saranno individuate prendendo in considerazione i movimenti di denaro effettuati dal medesimo soggetto, anche qualora relativi a più conti allo stesso intestato.

Limite di prelievo dal conto corrente per privati

Il provvedimento della Uif ha individuato un elenco di indicatori di anomalia per intercettare le operazioni sospette.

Il nuovo tetto per la segnalazione alla Uif è di 10 mila euro nell’arco di un mese solare. Al superamento di tale soglia nel periodo di riferimento, lo sportellista che esegue l’operazione effettua una “registrazione” che viene archiviata dalla banca e, da lì, parte poi mensilmente la segnalazione alla Uif.

Detta segnalazione scatta anche se il superamento della soglia avviene attraverso più operazioni che, singolarmente prese, sono inferiori a 10 mila euro ma che, tra loro sommate, superano il tetto. Ciò, però, vale solo se le operazioni sono pari o superiori a 1.000 euro l’una.

Fonti: https://www.money.it/guerra-contanti-controlli-sanzioni-superamento-limite ; https://www.laleggepertutti.it/299587_massimo-prelievo-contanti-privati